CONDIVIDI

È finita in manette a Mombasa in Kenya la fuga di Mario Mele, il noto “re delle discoteche sarde” nel Nuorese e in Gallura, latitante dal 2013 su cui pendeva un mandato di cattura internazionale della Guardia di Finanza di Nuoro per un’evasione fiscale da 17 milioni di euro. L’unità anti-droga della polizia kenyota in una vasta operazione nella città costiera di Mombasa lo ha arrestato insieme ad altri due cittadini italiani, Leon Albert Fulvio e Stefano Poll, con addosso tre chili di eroina (valore circa 90mila euro), due pistole e 20 mila euro in contanti.

Mele, trasformatosi in un noto signore della droga locale era ricercato anche dall’Interpol per traffico internazionale di stupefacenti, così come gli altri due italiani. Oltre a loro sono finiti in manette altre 8 persone di nazionalità kenyota.

Mele, 56enne di Nuoro, era accusato in Italia anche di associazione a delinquere finalizzata al compimento di reati fallimentari e contro il patrimonio, e sospettato di traffico internazionale di droga. Il “re delle discoteche sarde” gestiva da anni il Pata Pata, un noto locale notturni di Malindi, chiamato con lo stesso nome della discoteca aperta ad Agrustos in Sardegna.

Gli altri due italiani arrestati per traffico di eroina e cocaina a Mombasa (foto Elkana Jacob)

«I tre verranno deportati in Italia» ha confermato Philip Tuimur, capo della polizia locale. L’ennesima operazione dell’unità anti-droga kenyota che, da inizio anno, su volere del Presidente Kenyatta, in piena campagna elettorale, per le presidenziali di agosto, hanno portato all’arresto di numerose figure di spicco del traffico di droga nel Paese. A febbraio due americani sono stati estradati. Il Kenya è diventato negli ultimi anni uno snodo centrale soprattutto per il traffico di eroina che proviene dall’Afghanistan verso l’Europa.

Il denaro ritrovato durante l’operazione della narcotici kenyota a Mombasa (foto Elkana Jacob)

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi