CONDIVIDI

Sarà Millicent Fawcett, capostipite del movimento britannico delle 'suffragette', la prima donna ad avere l'onore di una statua in Parliament Square, a Londra, di fronte al Big Ben e a Westminster, accanto a ben 11 uomini che già vi svettano. Incluso quel Winston Churchill, primo ministro della Vittoria, che nella sua lunga carriera non risparmiò velenose ironie sulle donne che invocavano il diritto sacrosanto di votare. Una rivincita, per dame Millicent, morta nel 1929 dopo aver visto le urne del suffragio 'universale' aprirsi finalmente all'altra metà del cielo pure in Gran Bretagna.
L'annuncio dell'ok finale al monumento è stato dato oggi da Theresa May, un'altra donna, seconda inquilina di Downing Street dopo Margaret Thatcher e leader attuale di quel partito Tory dominato a suo tempo da Churchill. Millicent Fawcett "continua ancor oggi a ispirarci nelle battaglie contro le ingiustizie", ha detto la premier motivando la scelta

Articolo Originale

Rispondi