CONDIVIDI

Alcuni membri del partito conservatore, rappresentanti del Governo del Regno Unito, hanno avvertito che il Paese sarebbe disposto ad applicare qualsiasi misura necessaria nella controversia con la Spagna su Gibilterra, intendendo espressamente anche la forza militare. A parte il fatto che pare che proprio la Brexit abbia offerto nuovi punti di vista fra Regno Unito e Argentina per la controversia sulle Falklands-Malvinas, il fenomeno peggiore innescato dalla Brexit sembra essere un nuovo e pesante confitto su Gibilterra, che coinvolgerebbe pericolosamente i rapporti con la Spagna.

Parlando a Sky News, il veterano della politica ed ex leader del partito conservatore Michael Howard ha fatto una minaccia implicita, lasciando intendere che la disputa sulla sovranità del territorio della rocca potrebbe finire in guerra. Anzi, ha fatto esplicito riferimento alle Falklands, e all’invio di truppe britanniche.

GIBILTERRA COME LE FALKLANDS?

“Proprio 35 anni fa, nello stesso periodo dell’anno, un'altra donna Primo Ministro ha inviato una task force attraverso il mondo per difendere la libertà di un altro piccolo gruppo di cittadini britannici, contro un altro paese di lingua spagnola” ha detto a Sky News. “Sono assolutamente certo il nostro attuale Presidente del Consiglio [Theresa May] mostrerà la stessa determinazione.”

Nel frattempo il ministro della difesa, Michael Fallon, ha detto alla BBC: “Il popolo di Gibilterra ha messo in chiaro che non vuole vivere sotto la sovranità della Spagna. Gibilterra sarà difesa fino in fondo “.

E LA SCOZIA?

Il momento politico non è facile per il Regno Unito. Non dimentichiamo che anche la Scozia potrebbe ritornare nella UE in un paio di mesi. In realtà il record attuale di ammissione di un nuovo Paese nella UE è di circa 2 anni, ma rispetto all’Austria, dove già si guadagnò molto tempo dopo discussioni locali e un referendum, le cose potrebbero andare addirittura più veloci adesso in Scozia. La situazione è probabilmente simile per altri aspetti: la Scozia potrebbe certamente soddisfare rapidamente la parte legale, perché è stata in Europa per decenni. E l'Austria era già pronta, ma aveva deciso di optare per la piena adesione solo dopo il crollo dell'URSS.

DOPPIA SOVRANITA' SU GIBILTERRA?

La disputa per Gibilterra è sorta improvvisamente, dopo che il Consiglio Europeo ha suggerito che alla Spagna sarebbe stato permesso di decidere, a proposito di accordi post-Brexit, sulle modalità di applicazione a Gibilterra, che formalmente resta un territorio britannico. Pare che la Spagna voglia sostenere il suo diritto ad avere almeno uguale sovranità sul territorio, richiesta che riappare costantemente dai tempi della guerra di successione spagnola, all'inizio del 18 ° secolo.

I residenti a Gibilterra sono fortemente contrari a lasciare l'Unione Europea, come chiaramente espresso nel referendum promosso dal Regno Unito lo scorso giugno. Ora i Tories a Westminster stanno iniziando a usare la parola "guerra": questo è il risultato diretto del fatto che la UE e la Spagna non stanno rispettando il referendum del 2002 in cui i residenti a Gibilterra hanno respinto con il 99% dei consensi la sovranità congiunta con la Spagna.

Articolo Originale

Rispondi