CONDIVIDI

Misure di sicurezza ulteriormente rafforzate in Gran Bretagna, negli aeroporti, ma anche nelle centrali nucleari, sulla scia degli allarmi su possibili nuove minacce tecnologiche avanzate da parte di organizzazioni terroristiche. E in particolare del timore che gruppi come l’Isis abbiano già sviluppato sistemi per imbottire di esplosivo laptop, tablet o telefoni cellulari in grado di sfuggire ai controlli attuali.

LEGGI ANCHE “L’Isis progetta nuovi pc-bomba non rilevabili dai controlli”

L’avvertimento ha effetto immediato, scrive oggi il Sunday Telegraph, citando fonti dell’intelligence. E si aggiunge alle recenti misure restrittive imposte da Londra, sulle orme del bando deciso negli Usa dal presidente Donald Trump, per vietare l’imbarco di computer portatili e strumenti tecnologici sugli aerei in arrivo da diversi Paesi a maggioranza islamica.

Al timore per i voli, riporta il Telegraph, si unisce poi quello per gli impianti nucleari: a rischio, secondo il governo britannico, di attacchi da parte di «terroristi, spie straniere o hacker» capaci di bucarne le difese elettroniche

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi