CONDIVIDI

Si contano almeno 127 morti e oltre 200 feriti per il maltempo e le frane che hanno colpito il sudovest della Colombia. Lo riferisce la Croce Rossa, stando alla Bbc online, aggiungendo che al momento non è chiaro quanti siano i dispersi. Le intense piogge delle scorse ore hanno causato lo straripamento dei fiumi che hanno invaso le abitazioni con il fango nella provincia di Putumayo. Il presidente Juan Manuel Santos ha ordinato il dispiegamento delle forze armate per rispondere all'emergenza.

Interi quartieri sepolti dal fango

Il governatore della regione colpita dal maltempo, Sorrel Aroca, ha detto che interi quartieri sono sepolti, dal fango. Il sindaco di Mocoa, capoluogo del dipartimento di Putumayo, ha aggiunto che la sua città è "totalmente isolata", senza elettricità e acqua. Marzo è stato il mese più piovoso dal 2011, stando all'agenzia meteorologica locale. Putumayo è al confine tra l'Ecuador ed il Perù. E proprio in quest'ultimo Paese dall'inizio dell'anno almeno 90 persone hanno perso la vita per le forti piogge, che anche in questo caso hanno causato valanghe ed inondazioni.

Diventa fan di Tiscali su Facebook

Articolo Originale

Rispondi