CONDIVIDI

Va per le lunghe la seconda finale spagnola dell'Eurocup, il torneo satellite dell'Eurolega che assegna un posto nella competizione maggiore nel 2017-18 e che nei suoi 15 anni di storia manca di un successo italiano. Davanti a 10.500 spettatori l'Unicaja Malaga, al debutto nella competizione avendo "frequentato" sempre l'Eurolega nella quale l'anno scorso fallì per un pelo i playoff e in passato con Sergio Scariolo vinse un titolo e arrivò alle Final Four, ha sfatato un sortilegio di ben 7 partite casalinghe perse consecutivamente con Valencia. Rimontando la sconfitta di Gara1 tornerà a Valencia per giocare la bella.

Perso il lituano Mindaugas Kuzminskas che ha debuttato nella NBA con i Knicks, non era una stagione facile per la squadra di Joan Plaza, un ottimo allenatore che col Real Madrid vinse un titolo lanciando il giovanissimo Sergio Llull. Ma il nuovo gruppo ha trovato via via equilibrio fra stranieri e spagnoli crescendo nel corso della stagione e si gioca la Coppa alla pari.

In Gara2, diretta da una terna nella quale la tedesca Ann Panther ha avuto l'onore di essere la prima donna a fischiare una finale di Coppa, l'Unicaja è arrivata con un tesoretto di 13 punti che ha permesso di neutralizzare nell'ultimo quarto la fiammata finale degli ospiti (15-20). Vittoria meritata grazie all'intensità della difesa e al dominio dei rimbalzi, 16 in più degli avversari (40-24), con una prova maiuscola dello sloveno Alen Omic (12 punti e 10 rimbalzi) nel duello col centro americano Sikma (2 punti e 3 rimbazi). L'americano Jamar Smith è stato il cambio vincente e al suo ingresso in campo ha segnato 20 punti con 5 triple su 9 con le quali l'Unicaja ha preso il largo. Jeff Brooks, punto fermo della tripletta di Sassari, ha segnato 9 punti; non è entrato Lafayette, ex Armani lo scorso anno. Valencia ha tenuto bordone con Dubljevic e Rafa Martinez, attualmente i due primi top scorer della competizione, mentre San Emeterio non si è acceso in attacco sbagliando 5 triple su 6 ma raramente il fighter basco sbaglia due gare di seguito.

Finale: MALAGA (10.367 spettatori): UNICAJA-Valencia 79-71 (G1: 62-68; Val.93/78;G3 5 aprile Valencia 20.30; 21-16, 22-18; 21-17, 15-20; 20 J.Smith 2/2 5/9 da3 tl1/2 4r 4a V22, 12 A.Omic 6/8 10r; 14 G.Vives 1/1 4/8 da3, 11 S.Van Rss 1/2 3/6 da3 2r 5a V15, 11 BDubljevic 3/5 1/3 da3 5r, 9 F.Emeterio 1/4 1/6 da tl4/6 23 3pe, 8 R.Martinez 1/2 1/2 da3 tl3/4, 2 L.Sikma 1/2 0/1 da3 3r 2a). R-A: 40-19; 24-18.

A cura di ENRICO CAMPANA

Diventa fan di Tiscali su Facebook

Articolo Originale

Rispondi