CONDIVIDI

ROMA – Giovedi 1 aprile 1976 Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne hanno dato il via alla Apple Computer che in 41 anni ha rivoluzionato il mondo della comunicazione.
Dal primo Macintosh all’iPhone, ecco i passi salienti dell’azienda che ha probabilmente portato più innovazione nel mondo digitale.

Macintosh
Il 24 gennaio 1984 Steve Jobs annuncia il primo personal computer “user friendly”: quello che iniziò sfiorando il fallimento finì per cambiare il mondo della tecnologia.

iMac
Con un design più accattivante del suo predecessore, il 7 maggio 1998 venne presentato l’iMac 233 MHz (Revision A), il primo computer che oltre a prestazioni potenti metteva tra i suoi obiettivi primari l’estetica.

apple imac

PowerBook
Il marchio PowerBook ha debuttato nel 1991 ed ebbe un enorme successo: riuscì ad assorbire il 40% del mercato statunitense grazie alle straordinarie dotazioni indirizzate all’utente evoluto o all’utente professionale.

apple powerbook

MacBook
Il MacBook è stato intorno sul mercato il 16 maggio 2006, dedicato alla fascia consumer.
Differiva notevolmente dal predecessore iBook in termini di praticità per l’utente.

MacBook apple (2)

iPod
1000 canzoni sempre in tasca: ecco come Jobs ha introdotto il primo iPod.
Il lettore di musica digitale di Apple fu presentato il 23 ottobre 2001 e grazie al suo design accattivante e alla qualità, ben presto sbaragliò tutti i suoi concorrenti imponendosi come leader del mercato degli MP3.

IPod classic apple

iPhone
Quel profeta di Steve Jobs….
Che dire, la vera rivoluzione del mondo della comunicazione iniziò il 9 gennaio 2007 quando Steve Jobs presentò al mondo il primo l’iPhone.
“Oggi, Apple sta per reinventare il telefono”. E aveva ragione.

apple iphone steve jobs

iPad
L’iPad è stato introdotto nel 2010, e gli è bastato poco per creare e dominare il mercato dei tablet.
Più grande di uno smartphone ma potente come un Pc, l’iPad riuniva le caratteristiche principali di iPhone e computer, un altro passo avanti nel mondo della comunicazione.

ipad1apple

Articolo Originale

Rispondi